Mastoplastica riduttiva e Ginecomastia

Mastoplastica riduttiva

Durata

120-180 minuti

Ricovero

24-48 ore

Recupero

7-10 giorni

Anestesia
Generale

La mastoplastica riduttiva è l’operazione chirurgica con cui si riducono i seni di dimensioni eccessive. E’ un intervento con finalità sia estetiche che squisitamente funzionali, poiché un seno di grandi dimensioni può condizionare la vita di una donna provocando:

  • cervicalgia e dorsolombalgia
  • solchi cutanei da reggiseno sulle spalle
  • disturbi del sonno
  • difficoltà a svolgere qualsivoglia attività fisica e a trovare vestiti adeguati
  • diminuzione della propria autostima
  • irritazioni cutanee recidivanti

La prima visita con lo specialista è di enorme importanza perché mira a valutare:

  • le reali motivazioni della paziente
  • la sua costituzione fisica
  • l’età
  • le dimensioni iniziali del seno
  • le caratteristiche del seno
  • le aspettative e i desideri della paziente
  • l’elasticità e la qualità della pelle
  • eventuali asimmetrie
  • le condizioni delle ghiandole mammarie

In ogni caso è fortemente consigliabile attendere la fine dello sviluppo corporeo della paziente così come la fine delle gravidanze desiderate o programmate.

Gli esami

Una volta stabilita l’opportunità dell’intervento il medico prescriverà:

  • esami ematochimici preventivi
  • elettrocardiogramma
  • radiografia del torace
  • mammografia

Lo specialista provvederà inoltre a:

  • far sospendere l’assunzione di estro progestinici orali e aspirina 2 settimane prima e dopo l’intervento
  • dare tutte le delucidazioni in merito a rischi e complicanze
  • far sospendere il fumo di sigaretta almeno 2 settimane prima
  • annotare eventuali allergie
  • far firmare un completo e dettagliato consenso informato alla procedura operatoria
L’intervento

La tecnica utilizzata per la mastoplastica riduttiva prevede l’innalzamento dell’areola e del capezzolo e la riduzione delle dimensioni della mammella, così da raggiungere volume, forma e turgore desiderati. Esistono 4 tipologie di intervento a seconda del risultato che il Chirurgo desidera ottenere per il problema soggettivo di ogni paziente:

  • incisione periareolare
  • incisione periareolare + incisione verticale
  • incisione periareolare + incisione verticale e orizzontale
  • rimozione temporanea della struttura areola-capezzolo

La paziente uscirà dalla sala operatoria con una medicazione elasto-compressiva ed un drenaggio per ogni seno. Nel post operatorio è fortemente consigliato l’utilizzo di reggiseni sportivi. Dopo la prima settimana in cui il seno sarà particolarmente gonfio, dolente e sensibile, nei giorni successivi il fastidio andrà regredendo progressivamente, mentre gli esiti cicatriziali andranno attenuandosi dopo i primi 2-3 mesi.

Complicanze

Le complicanze più frequenti sono rappresentate da:

  • Infezioni locali delle ferite
  • Formazione di coaguli ed ematomi
  • Arrossamento cicatrici
  • Perdita di sensibilità nel complesso areola-capezzolo
  • Asimmetrie
  • Difficoltà ad allattare

Ginecomastia

Durata

45-90 minuti

Ricovero

3 giorni

Recupero

7 giorni

Anestesia
Generale

Con il termine Ginecomastia si intende un abnorme ed anomalo sviluppo del seno maschile, generalmente dovuto a motivi genetici, ormonali, farmacologici o di altra natura.

Tra le principali cause di ginecomastia si annoverano: –

  • abuso di sostanze alcoliche
  • uso di steroidi anabolizzanti
  • malattie congenite (ad esempio la sindrome di Klinefelter)

L’intervento di elezione è la mastoplastica riduttiva. Dopo una valutazione preventiva dell’elasticità della cute, di eventuali asimmetrie e delle condizioni delle ghiandole mammarie, lo Specialista procederà a:

  • esami ematochimici preventivi
  • elettrocardiogramma
  • radiografia del torace
  • proibire assunzione di aspirina 2 settimane prima e dopo l’intervento
  • dare tutte le delucidazioni in merito a rischi e complicanze
  • sospendere il fumo di sigaretta almeno 2 settimane prima
  • annotare eventuali allergie
  • far firmare un completo e dettagliato consenso informato alla procedura operatoria
L’intervento

La tecnica utilizzata per la Ginecomastia varia in relazione alla composizione tissutale della mammella: quando il tessuto prevalente è di tipo ghiandolare è consigliabile la rimozione della ghiandola, viceversa se ci troviamo in presenza di tessuto adiposo sarà indicata una lipoaspirazione.

Dopo l’intervento si raccomanda riposo per 2-3 giorni, successivamente sarà possibile la ripresa delle normali attività quotidiane. È importante l’uso di un corpetto elastico per un mese, periodo dopo il quale sarà possibile riprendere le attività fisiche in modo progressivo.

Il risultato definitivo così come il progressivo recupero della sensibilità si apprezzerà intorno al 3° mese, visto che la cute deve riadattarsi al nuovo volume mammario.


MEDICI DELLA BELLEZZA S.R.L.S. – P.IVA 01680000880
Privacy Policy